News

La Coscienza oltre la Legge

13/01/2015

Una nuova legge europea indirizzata alla grande distribuzione consente, per i "prodotti a Marca del distributore", di poter omettere dall’etichetta le indicazioni riguardanti il luogo di produzione e l’azienda produttrice.
La nostra coscienza professionale ci impedisce di farlo.
Andiamo oltre la legge e vi spieghiamo perché.

 

Dal 13 dicembre 2014 è entrata in vigore la nuova legislazione europea che con il Regolamento n° 1169/2011 rende non obbligatorio per i "prodotti a marchio" della grande distribuzione, indicare sull’etichetta il luogo di produzione e il nome dell’azienda produttrice.
Ci rifiutiamo di prendere una scorciatoia forse utile per qualcuno ma che reputiamo eticamente impraticabile. Rispondiamo alla nostra coscienza fornendo ai clienti più garanzie di quanto la nuova legge ci obblighi a fornirne.
Fino ad oggi infatti per i nostri clienti è stato naturale prendere dallo scaffale un prodotto a Marca Conad, verificarne la scadenza, il luogo di produzione e il nome del produttore. Vogliamo che tutto ciò continui anche domani perché non siamo disposti a indebolire un rapporto fiduciario consolidato negli anni.

Crediamo che in generale la trasparenza sia un valore, ma che lo sia ancor di più per i cosiddetti "prodotti a Marca del distributore", cioè i prodotti a Marca Conad, una categoria sempre più ampia e apprezzata su cui "ci mettiamo la faccia" e tutte le nostre attenzioni.
La nostra responsabilità su ciò che vendiamo col nostro nome non può dunque essere mutilata. Oltretutto questa nuova disposizione di legge, sottacendo l’origine e il nome del produttore, indebolisce il presidio del prodotto made in Italy e la qualità che il mondo ci invidia.

"Dura lex sed lex" si è sempre detto, ma per noi questa legge non è abbastanza dura.
E’ per questa ragione che alle persone che quotidianamente scelgono di fare la spesa da noi continueremo a dire, attraverso l’etichetta dei prodotti a Marca Conad, da dove arriva la merce che acquistano e qual è l’azienda produttrice.

Per noi, invocare maggiore tutela e trasparenza per "le cose" marchiate Conad significa prenderci cura delle persone che ogni giorno ci rinnovano la loro fiducia.