Campobasso: Villa de Capoa

Autore Bene Insieme

La settecentesca Villa Comunale De Capoa è senza dubbio uno dei luoghi più suggestivi della città giardino, come era chiamata Campobasso agli inizi del secolo scorso. La Villa si estende per oltre sedicimila metri quadrati, coperti di una lussureggiante vegetazione.

L’ingresso, posto su Viale Duca D’Aosta, è costituito da quattro pilastri calcarei rettangolari con cancelli di ferro, realizzati da Giuseppe Tucci che fu il tuttofare per la costruzione della villa (architetto, giardiniere e decoratore): per esempio sia il grande lampione centrale, che le panchine, che i lampioni esterni sono tutti opera sua. Diverse le statue marmoree settecentesche: forse la più immediatamente riconoscibile è quella di Bacco, con il suo immancabile grappolo d’uva.

Negli anni Trenta, la Villa venne ceduta al Comune e in quel periodo prese il nome di Villa Littorio, poi si chiamò Villa Comunale, anche se è sempre stata chiamata anche Villa De Capoa. Oggi, al suo interno sono stati realizzati un parco giochi per bambini, un campo di bocce, un campo da tennis e la piscina comunale. Il parco, adiacente all’ex convento di Santa Maria delle Grazie, è in stile classico e fu fatto costruire nel ’500 da Andrea De Capoa. Ammirate le curatissime siepi di sempreverdi che circondano ogni vostro passo.

Le specie vegetali presenti sono varie e degne di attenzione: le possenti sequoie, gli esotici cedri del Libano, i cipressi, gli abeti rossi, i profumati tigli non sono soltanto stupendi ornamenti, ma messaggeri della cultura e del gusto di coloro che anni fa hanno realizzarono questo gioiello. Il parco tra l’altro, svolse per circa due secoli la funzione di riserva delle erbe che i monaci del convento utilizzavano per la creazione di medicinali naturali. Nel ’700 fu acquistato da privati e riorganizzato in parco vero e proprio. Un giro a Villa De Capoa è quel che ci vuole per ritagliarsi qualche ora di relax, svago o meditazione in un luogo incantevole. La Villa è aperta dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 19.

Contenuti correlati

Altri contenuti: