Eremi della Maiella

Autore Bene Insieme

Dopo aver visitato il Parco, una delle esperienze più significative che si possano vivere in Abruzzo è trascorrere qualche giorno camminando tra gli eremi della Maiella, immergendovi nel verde rigoglioso della natura tra piccole scalate, discese e risalite, ripercorrendo sentieri un tempo battuti da pastori, briganti e da quegli eremiti che, come Celestino V, abitarono questi luoghi, umili giacigli fatti di sola pietra, silenzio e raccoglimento.

Mettetevi in viaggio: disseminati come in una galassia ci sono numerosissimi e minuscoli paesini che attraverserete. Ne citiamo uno su tutti ed è Guardiagrele, antico borgo dove varcata la Porta di San Giovanni, affiancata da secolari botteghe di fabbri, ci si immerge nelle caratteristiche vie del centro storico, tra architetture di pietra della Maiella che si mettono in bella mostra nella splendida facciata gotica di Santa Maria Maggiore e nella chiesa trecentesca di San Francesco. A guidare il vostro passeggio, potrebbe anche essere il profumo fragrante della pasticceria tipica del posto che sta infornando le “sise delle monache” tre soffici ciuffi di pan di spagna accostati a triangolo e farciti di crema pasticcera. Per i più piccoli c’è anche un parco acrobatico realizzato in altezza tra gli alberi e immerso tra i pini di Piana delle Mele: oltre 150 giochi sospesi tra gli alberi, avventurose passerelle, ponti tibetani e tunnel tirolesi mozzafiato, in massima sicurezza e con l’assistenza del personale qualificato.

Un vantaggio non da poco è che la Maiella è adatta sia per i più piccoli che per le persone disabili che possono trovare un sentiero idoneo per godere di molte delle sue meraviglie. Fra le tantissime possibilità, vi segnaliamo l’anello di Lama Bianca, un percorso circolare che parte da Fonte della Fratta, è lungo circa 3,5 km e ben si presta alle esigenze di famiglie con bambini piccoli o non in grado di camminare da soli, così come per i diversamente abili. Il tragitto si snoda all’interno della faggeta di Lama Bianca. Una bella alternativa, forse un po’ più “trafficata” è il sentiero Indro Montanelli – Tavola dei Briganti, che attraversa pascoli e cespugli di pino mugo e vi farà immergere in verdissime boscaglie. Il sentiero procede sul crinale di Scrima Cavallo che offre spettacolari vedute. È un po’ più lungo del precedente (circa 5,5 km), comunque facile e accessibile anch’esso, sia per i bimbi che per le persone con difficoltà motorie. 

Contenuti correlati

Altri contenuti: