Idee per il barbecue

Autore La redazione

È tempo di grigliate! Ecco alcune informazioni interessanti sulla storia del barbecue e alcuni consigli per realizzare una grigliata perfetta.

 

Storia
Il termine “barbecue” deriva da barabicu, poi storpiato dagli Europei in barbacoa, che nella lingua dei Taìno (una popolazione indigena dei Caraibi) significava “focolare sacro” e indicava un fuoco acceso in una buca nel terreno ricoperta da graticci, su cui veniva fatta cuocere la carne. Il termine trova traccia scritta per la prima volta nel XVII secolo, ma è ovvio che questo metodo di cottura risalga a tempi ben più antichi, verosimilmente all’alba della storia umana.

 

Marinare
Grigliare il cibo permette di sperimentare un’altra tecnica molto interessante: la marinatura. Lasciando insaporire la carne (o il pesce, o le verdure, o addirittura la frutta!) con spezie e aromi per qualche ora, avremo la possibilità di gustare sapori inediti con tempi di preparazione minimi: sarà il tempo di riposo a compiere la magia!

 

Una ricetta di sicuro successo per chi ama i sapori forti è il pollo alla paprika: lasciate insaporire in frigorifero per almeno un’ora un petto di pollo tagliato a pezzetti con una marinatura ottenuta mischiando il succo di un limone, due cucchiai di olio d’oliva, un cucchiaio di zucchero di canna, un cucchiaino di sale, 2 cucchiaini di paprika dolce e mezzo cucchiaino di paprika forte. Grigliate i pezzetti qualche minuto per parte, fino a che saranno cotti ma non troppo asciutti. Gustateli caldi, magari accompagnandoli con una salsa allo yogurt.

 

Bon ton
La grigliata, o barbecue che dir si voglia, è un’occasione estremamente informale, quindi bando a ogni rigidità, ma non certo alle forme di cortesia più fondamentali.

 

Se siamo invitati a un barbecue non facciamoci scrupoli a chiedere se possiamo contribuire in qualche modo, portando del cibo supplementare o delle bevande, né, se siamo i padroni di casa, a rifiutare un aiuto offerto con il cuore. 

 

Spesso chi si dedica alla griglia resta escluso dal divertimento perché impegnato a cucinare. Facciamo in modo di coinvolgere nelle nostre conversazioni chi si sta premurando di nutrirci e, se ce la sentiamo, offriamogli di dargli il cambio.

 

Quando formuliamo inviti per un barbecue, chiediamo sempre ai nostri ospiti se hanno intolleranze o allergie alimentari o se hanno preclusioni verso certi alimenti (per esempio se sono vegetariani). In questo modo potremo organizzare per tempo valide alternative.

Contenuti correlati

Altri contenuti: