Aprono a Firenze i primi due store Sapori&Dintorni Conad

17 giugno 2010

Conad ha scelto la cornice più bella e prestigiosa, il centro storico del capoluogo toscano, per il debutto del suo nuovo format. Concepito per far conoscere e apprezzare il meglio dell’autentico made in Italy enogastronomico sia al consumatore locale sia al turista anche attraverso un’area di degustazione, dà spazio alla cultura con un book shop e un ticket office in collaborazione con il polo museale fiorentino.

Sapori&Dintorni Conad, la marca commerciale che caratterizza l’offerta di specialità alimentari della tradizione enogastronomica italiana, diventa l’insegna di due store di nuova concezione aperti da oggi nel cuore di Firenze. Pensati appositamente per i centri storici delle città d’arte, vicini al consumatore locale così come al turista, i due primi punti di vendita di via de’ Bardi 45/47 e Largo Alinari 6/7 arricchiscono di contenuti e di servizi la rete Conad. La superficie – attorno ai 400 mq (calibrabile in base alle differenti location) – è dedicata ai 210 prodotti della linea Sapori&Dintorni suddivisi per regione, molti dei quali Dop e Igp, e alla selezione Originis che offre i sapori più autentici della Toscana, piccole produzioni locali espressione della cultura e del gusto del territorio e preparati nel rispetto delle ricette originali. Uno spazio, in entrambi i punti di vendita, è riservato alla degustazione dei prodotti presenti in assortimento e all’informazione sugli eventi culturali in programma a Firenze, con un servizio di ticket office in collaborazione con il polo museale fiorentino e la vendita dei biglietti dei trasporti pubblici locali. L’immagine dei due store coniuga l’esigenza di enfatizzare questo innovativo progetto con quella di capitalizzare il potenziale di comunicazione sviluppato per la rete Conad; particolare attenzione è stata perciò riservata all’ambientazione e alla scenografia dei settori dedicati ai prodotti Sapori&Dintorni Conad e alla selezione Originis. Per Conad i prodotti toscani valgono l’8 per cento del proprio fatturato complessivo, che nel 2009 è stato di 9.299 milioni di euro: un dato importante che testimonia la capacità di rispondere e adeguarsi alle mutate esigenze di un mercato in continua evoluzione. Questa nuova tipologia di punto di vendita, che rappresenta il completamento della tipica multicanalità Conad (ipermercati, superstore, supermercati, negozi di vicinato) sarà adottata anche in altre città d’arte, con l’obiettivo di dare vita ad un format che sia vicino ad esigenze di consumo specifiche (quali possono essere quelle del turismo), per far conoscere e dare valore all’eccellenza tipica dell’agroalimentare italiano. L’offerta enogastronomia territoriale è sempre più, infatti, una motivazione di vacanza che affianca quella culturale e ambientale e non può fare a meno dei prodotti tipici: in fondo, è arte anche quella del buon cibo. Investire in tal senso riconosce ragioni ormai radicate, adottate da Conad per sviluppare una rete di vendita all’altezza delle esigenze di un cliente che è cambiato negli ultimi anni e che chiede sempre più servizio accanto a qualità e convenienza. Ma che è anche risposta concreta ai produttori del tipico regionale italiano – spesso piccoli e medi – capaci di una gamma di prodotti di eccellenza. “La vocazione di una città come Firenze, nota in tutto il mondo per il suo patrimonio artistico, è quella turistica. Una vocazione che oggi arricchiamo con l’offerta di prodotti agroalimentari tipici regionali di qualità”, afferma l’amministratore delegato di Conad del Tirreno Ugo Baldi. “Con questi due primi punti di vendita Sapori&Dintorni Store vogliamo valorizzare i localismi e far crescere una cultura della qualità, della genuinità e del rispetto delle tradizioni perché riteniamo sia un potente fattore di promozione del made in Italy. Oltre a interpretare il concetto di vicinato, abbiamo voluto enfatizzare l’offerta dei nostri più tipici prodotti regionali e integrare il buon cibo con un servizio di promozione della cultura locale, prima di tutto quella museale. Ma gli eventi culturali saranno anche altri, di volta in volta studiati e realizzati per favorire l’incontro della città con ognuna delle sue identità, sia dei turisti sia dei cittadini”. “Conad è l’unica catena in Italia a sviluppare una seria politica di sostegno e di valorizzazione all’agroalimentare in Italia e nel mondo, grazie anche ad accordi sottoscritti con alcune Regioni. Di recente abbiamo ottenuto il patrocinio del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali per tutte le iniziative che attiveremo al fine di valorizzare i prodotti della cultura enogastronomica regionale in Italia e all’estero. A fine 2009, l’export Conad valeva 30 milioni di euro, in crescita del 15 per cento rispetto all’anno precedente, mentre il fatturato di Sapori&Dintorni era attestato a 150 milioni di euro. E’ il nostro modo di rispondere ai cosiddetti prodotti a km zero”, sottolinea il direttore generale di Conad Francesco Pugliese. “Vogliamo che le eccellenze della tradizione regionale a marchio Sapori&Dintorni facciano invece molti chilometri, perché siano conosciute, consumate e apprezzate da un numero sempre maggiore di consumatori, anche in Europa. L’export agroalimentare è la seconda più importante voce della bilancia dei pagamenti dell’Italia, ma è ancora molto al di sotto delle proprie potenzialità. Continuare a rivolgersi pressoché esclusivamente ad un consumatore italiano significa limitare le prospettive di crescita del Paese”.