Report statement Conad

14 maggio 2018

Nella puntata che andrà in onda questa sera il programma di approfondimento di Rai 3 Report affronterà il tema delle cooperative che gestiscono i servizi di logistica. Si parlerà anche di Distribuzione organizzata, e sarà citato il magazzino di Fiano Romano.

In merito alla questione Conad desidera precisare quanto segue.

 

I servizi logistici

Nessun appalto – né nel magazzino di Fiano Romano, né altrove – è mai stato dato ad “aziende fittizie”, siano esse private o cooperative. Il Consorzio Conad e le sette cooperative territoriali (tra cui Pac 2000A, competente per il magazzino di Fiano Romano oggetto dell’interesse di Report) si affidano per la logistica a società specializzate – come del resto la quasi totalità delle aziende, in Italia e non solo – sulla base di capitolati di fornitura, nei quali il rispetto dei diritti dei lavoratori è ovviamente un prerequisito.

Circa un anno fa Pac 2000A ha sottoscritto un contratto di appalto con un nuovo operatore della logistica, che si è reso disponibile a rilevare il personale della precedente società fornitrice di servizi. Questa nuova situazione ha generato tensioni tra i lavoratori.

Sugli appalti, Pac 2000A svolge un ruolo di verifica e controllo amministrativo, in particolare per quanto riguarda l’effettivo pagamento degli stipendi e il versamento dei contributi previdenziali.

A questo si aggiungono le visite ispettive delle autorità competenti – Ministero del Lavoro e Asl in primis – che effettuano regolarmente controlli e non hanno mai rilevato anomalie nella gestione amministrativa del personale delle ditte appaltatrici, nella sicurezza e igiene del posto di lavoro, nella fornitura di alimenti.

 

Conad e la redazione di Report

In merito ai rapporti con la redazione di Report, precisiamo che il consorzio Conad:

- si è reso disponibile a rispondere in forma scritta alle domande del Dott. Iovene, che comunque non sono mai pervenute;

- ha replicato puntualmente in forma scritta ai temi sollevati dalla redazione sottolineando, tra le altre cose, che nella piattaforma logistica di Fiano Romano di Pac 2000A nessuna “azienda fittizia” ha mai operato, né privata, né cooperativa, come dimostrano anche i diversi controlli effettuati dalle autorità competenti (Ministero del Lavoro e Asl) che, infatti, non hanno rilevato alcuna irregolarità;

- esprime perplessità circa le modalità con cui Report ha esercitato pressioni che paiono poco appropriate dal punto di vista della correttezza (“prenderemo in considerazione note scritte soltanto dopo la messa in onda del programma”) e dell’approfondimento di un argomento da presentare ai telespettatori.

Puntualizziamo, infine, che la decisione di non concedere una nuova intervista a Report è legata a esperienze pregresse, in quanto l’azienda in passato ha trascorso interi pomeriggi con i redattori di Report, per poi ritrovare nel servizio andato in onda una sola frase, disancorata dal contesto.