Rimedi per l'insonnia

Autore Dott.ssa Alessia Aldini, Farmacista

Un’azione fondamentale per la vita dell’essere umano è dormire: senza il sonno non è più garantita la nostra stessa sopravvivenza. Non esiste un numero di ore prestabilito che dovremmo dormire per sentirci bene: le ore di sonno hanno una forte variabilità individuale, dovuta a diversi fattori: sesso, età, genetica… Tendenzialmente le ore di sonno necessarie per sentirsi riposati calano con l’avanzare dell’età: quando siamo neonati e durante l’infanzia passiamo moltissime ore a dormire, mentre nell’età adulta queste tendono a diminuire progressivamente. Un aspetto che spesso non viene preso in considerazione è che il sonno non lo recuperiamo: se una notte dormiamo, ad esempio, tre ore in meno, difficilmente per “compensare” ne dormiremo altrettante in più quella successiva. Ecco allora che possono venire in aiuto integratori come Melatonina e Valeriana della linea Parafarmacia Conad che insieme contribuiscono alla riduzione del tempo richiesto per prendere sonno (melatonina) e favoriscono il rilassamento (valeriana).

QUANDO NON DORMIRE È UN DISAGIO

Quando il mancato sonno è un disagio, in quanto l’individuo vorrebbe dormire, ma per cause varie e spesso non ben definite non riesce a riposare, si può parlare allora di insonnia. Si tratta di un disagio vero e proprio che va a compromettere la qualità della vita dell’individuo durante il giorno e la sua stessa produttività.
Vi sono momenti particolari della vita in cui questo aspetto può essere accentuato, frequenti sono i casi di insonnia che compaiono ad esempio nel periodo della menopausa femminile. 

RIMEDI PER L’INSONNIA

Tra le sostanze che possono aiutarci a combattere la mancanza di sonno ci sono, come accennato, certamente la melatonina, gli estratti naturali e il magnesio. Vediamoli più da vicino: 

·         La melatonina è un ormone prodotto dal nostro organismo che serve a comunicare quando è ora di dormire. La sua sintesi tende a subire un calo con il passare degli anni e questo può essere fra i motivi per i quali invecchiando tendiamo a dormire meno. Gli integratori alimentari a base di melatonina possono essere un aiuto nel contribuire a ridurre il tempo richiesto per prendere sonno.

·         In natura esistono diverse piante con proprietà rilassanti e sedativa. Fra i più utilizzati vi sono estratti di Valeriana, Passiflora, Biancospino ed Escolzia. La loro azione è molto utile specialmente sull’insonnia con componente ansiosa.

·         Il magnesio è un minerale con azione “antistress” in quanto possiede un’azione distensiva sulla muscolatura e per questo motivo può essere utile quando l’insonnia ha una componente tensiva dovuta sia alle preoccupazioni, ma anche ad intensa attività fisica svolta durante il giorno.

LE REGOLE PER UN BUON SONNO

Per migliorare la qualità del nostro riposo notturno possiamo poi seguire una serie di piccoli accorgimenti:  

·         sistemare la stanza da letto: se possibile spostiamo la televisione o altrimenti cerchiamo di utilizzarla meno possibile prima di dormire, riducendo tutti gli elementi che possono essere fonte di disturbo;

·         chiudere le tapparelle: favoriamo il buio o la penombra e cerchiamo di mantenere l’ambiente il più silenzioso possibile. Quando questo non è possibile si può ricorrere all’utilizzo di mascherine e tappi per le orecchie;

·         cenare presto: andare a dormire almeno tre ore dopo i pasti sarebbe la regola. Questo non è compatibile con gli impegni di tutti, ma almeno cercare di organizzarsi preferendo pasti leggeri;

·         consumare una tisana calda dopo cena al posto degli spuntini notturni che invece sono sconsigliati;

·         evitare di svolgere attività fisica intensa nelle ore serali: la produzione di adrenalina che ne consegue renderà più difficile il rilassamento nelle ore immediatamente successive. Il magnesio è un minerale che aiuta ad attenuare questo processo.

DISCLAIMER

Questo articolo ha carattere puramente informativo. Le informazioni contenute sono rivolte a persone maggiorenni e in buono stato di salute. Il lettore pertanto utilizzerà tali informazioni sotto la sua unica ed esclusiva responsabilità. In nessun caso l’autore potrà essere ritenuto responsabile di eventuali danni sia diretti sia indiretti o da problemi causati dall’utilizzo delle informazioni suggerite.    

Contenuti correlati

Altri contenuti: