Siete single

Autore La giornalista Debora Rosciani

Il nostro è un paese che, dal punto di vista delle politiche sociali, non si prende cura in maniera adeguata delle famiglie numerose. C’è però una categoria che lamenta ancora meno attenzioni: quella dei single, composta per lo più da donne e giovani. Secondo il Censis è la “forma familiare” più diffusa e quella che cresce di più: oggi sono sette milionigli uomini e le donne che vivono da soli e gestiscono un bilancio individuale. 
Il più delle volte si tratta di un bilancio oneroso. A gravare su un unico individuo sono le bollette, le spese condominiali, così come il mutuo. Non esiste né una formula vantaggiosa per i single né per le famiglie numerose: le condizioni sul mercato sono uguali per tutti. 
Qualche cifra può aiutare a capire che forza economica siano i single: secondo Coldiretti, i single spendono per gli acquisti alimentari il 71% in più in rispetto alla media delle famiglie. La spesa media per alimentari e bevande di chi vive da solo è stimata in 320 euro al mese: superiore del 71% rispetto ai 187 euro al mese destinati alla tavola da ogni singolo componente di una famiglia tipo italiana (formata da in media da 2,5 persone). A incidere sulla spesa mensile dei single sono, nell’ordine: carne (75 euro), ortofrutta (60 euro), pane, pasta e derivati dai cereali (50 euro), latte, yogurt e formaggi (45 euro), bevande (31 euro), pesce (26 euro), zucchero, caffè (22 euro) e per ultimo oli e grassi (12 euro). 
I motivi della maggiore incidenza della spesa risiedono nella necessità, per chi vive da solo, di acquistare inevitabilmente maggiori quantità di cibo, visto che i formati adeguati sono rarissimi. Ben venga, quindi, la scelta commerciale di prendersi cura di questo esercito di persone immettendo sul mercato confezioni anche piccole di diversi alimenti.

Contenuti correlati

Altri contenuti: