Creme solari bambini

creme solari bambini

Autore dott.ssa Alessia Aldini, Farmacista Conad

I bambini sono molto più sensibili degli adulti ai raggi solari: la struttura della loro pelle non è ancora completamente sviluppata, come quella di un adulto, e questo la rende molto più indifesa da qualsiasi tipo di agente esterno.

La maturazione della melanina avviene molto lentamente e anche il processo di termoregolazione non è del tutto efficiente. Il loro corpo non è in grado di mantenere correttamente la temperatura interna in seguito alle variazioni ambientali.

Inoltre è stato dimostrato che eccessi solari e lesioni foto-indotte durante il periodo dell’infanzia e dell’adolescenza rimangono come in “memoria” all’interno dell’epidermide, diventando fattori favorevoli all’insorgenza di patologie cutanee. Queste considerazioni ci fanno capire che l’esposizione al sole va affrontata in maniera seria e con le corrette precauzioni.
Nella linea Conad Essentiae trovi prodotti dedicati alla protezione solare per bambini, particolarmente indicati per la pelle sensibile dei piccoli. I solari della linea Bimbi sono ipoallergenici, senza profumazione e a elevata spalmabilità. In formulazione spray o latte solare bambini, sono tutti con olio di calendula ed estratti di avena, due componenti lenitive e addolcenti.

BIMBI AL SOLE

Durante i primi sei mesi di vita l’esposizione diretta va sempre evitata: il bambino va tenuto all’ombra, al di fuori delle ore centrali dalle 11 alle 16, vestito di cotone chiaro traspirante. Questo perché parte dei raggi solari riescono comunque ad essere riflessi dalla sabbia e dal mare.

Successivamente il bambino può essere esposto per periodi brevi e in momenti controllati. Nei primi giorni è consigliabile fargli indossare sempre una maglietta di cotone traspirante, un cappellino a tesa larga ed eventualmente anche gli occhiali da sole. L’esposizione al sole è necessaria per favorire la sintesi della vitamina D per il corretto sviluppo dell’apparato scheletrico, ma non vi è bisogno di eccedere in quanto bastano circa 15 minuti al giorno. 

CREMA SOLARE A MISURA DI BAMBINO

La crema solare va comunque sempre applicata scegliendo un prodotto adatto alla pelle delicata del bambino. Per prima cosa scegliamo l’SPF (Sun Protection Factor): si consiglia di utilizzare una crema con protezione alta o molto alta, quindi con SPF 30 o 50+. Il prodotto dovrà essere formulato specificatamente per bambini, ipoallergenico e preferibilmente anche privo di profumazione. Si può fare una prova a casa applicandone una quantità in una piccola parte del corpo, per testarne preventivamente la tollerabilità da parte del bambino. 

COME APPLICARE LA CREMA

Tutte le creme solari bambini vanno applicate diversi minuti prima dell’esposizione, l’ideale sarebbe farlo in casa prima di uscire, ripetendo poi l’applicazione in maniera frequente per tutta la permanenza in spiaggia. Facciamo attenzione ad applicare la crema in maniera uniforme, insistendo sui punti maggiormente esposti come zigomi, naso, spalle. Nella maggior parte delle creme vi è la specifica “Resistente all’acqua”. Questo significa che il bambino è protetto nel momento in cui si trova in acqua a giocare (ovviamente per tempi ragionevoli), ma la crema va applicata nuovamente dopo ogni bagno. 

LEGGERE L’ETICHETTA, SEMPRE UNA BUONA ABITUDINE

Fare riferimento all’etichetta del prodotto è utile per avere qualche informazione in più: potrà dirci se il prodotto è privo di alcol, di coloranti o darci qualche indicazione sui componenti. Si può consultare a questo scopo l’INCI, ovvero la lista degli ingredienti redatta secondo l’inventario europeo degli ingredienti cosmetici.

Non utilizziamo mai un prodotto aperto dalla stagione precedente: tutti i cosmetici hanno una “data di scadenza”, in particolare le creme solari. Si tratta del PAO (Period After Opening), il periodo post apertura che indica i mesi nei quali il prodotto, una volta aperto, può essere utilizzato in sicurezza per il consumatore. Il PAO è rappresentato dal simbolo di un vasetto aperto, seguito dal numero dei mesi e la lettera M. Per la maggior parte delle creme solari sono indicati 12 mesi, ma dovremmo avere la premura di controllare di volta in volta. In base a queste osservazioni per un prodotto aperto l’estate prima non ne è garantita la sicurezza e l’efficacia protettiva indicata dall’SPF è persa o non è più determinabile. 

 

DISCLAIMER

Questo articolo ha carattere puramente informativo. Le informazioni contenute sono rivolte a persone maggiorenni e in buono stato di salute. Il lettore pertanto utilizzerà tali informazioni sotto la sua unica ed esclusiva responsabilità. In nessun caso l’autore potrà essere ritenuto responsabile di eventuali danni sia diretti sia indiretti o da problemi causati dall’utilizzo delle informazioni suggerite.                                                  

         

Contenuti correlati

Altri contenuti: