Come conservare gli omogeneizzati

Come conservare gli omogeneizzati

Autore dott. Luca Borelli – dietista

Preparare in casa il cibo per il vostro bambino permette di controllare gli ingredienti e al tempo stesso risparmiare. Spesso però non si ha molto tempo a disposizione e allora diventa fondamentale sapere come poterli conservare. Oltre agli accorgimenti igienici relativi alla preparazione degli omogeneizzati fatti in casa, utili per eliminare i rischi di contaminazione da batteri o da altri alimenti, è bene conoscere quindi anche le regole per una corretta conservazione che ci consenta di godere di un prodotto personalizzato, genuino, anche a distanza di tempo.

Come conservare gli omogeneizzati fatti in casa?

Una volta che gli omogeneizzati sono pronti si deve pensare alla loro conservazione che può essere di tre tipi:

·        giornaliera

·        a medio termine

·        a lungo termine

Nel primo caso, anche se l’omogeneizzato viene consumato nell’arco della giornata è buona norma, sempre, che dopo la preparazione venga fatto raffreddare in frigo e che al momento del consumo sia riscaldato a bassa gradazione, ad esempio a bagnomaria o al microonde.

Per quanto riguarda la conservazione a medio termine, è necessario effettuare il sottovuoto che prevede innanzitutto la sterilizzazione dei vasetti (farli bollire in una pentola piena d’acqua per 5 minuti), quindi riempirli con il preparato caldo, avvitare il tappo e chiudere bene. Lasciarli capovolti su di un piano per 20 minuti circa affinché si raffreddino e si crei il sottovuoto.

Nel caso si tratti di omogeneizzati di frutta, meglio procedere con la pastorizzazione, ovvero far bollire i vasetti già pieni e chiusi per circa venti minuti e poi metterli normalmente a raffreddare capovolti, come nel caso del sottovuoto.

Infine, per una conservazione più duratura, è bene passare al congelamento, che può avvenire in vasetto oppure nei sacchetti per il ghiaccio. Nel freezer possono essere conservati fino a 6 mesi.

Le norme per un corretto consumo

Gli omogeneizzati fatti in casa rispetto a quelli industriali presentano da chiusi un tempo di conservazione più breve.

Se si tratta di omogeneizzati congelati, è bene fare attenzione al momento di scongelamento, che non va mai fatto a temperatura ambiente, ma in frigorifero.

Nel caso in cui si stia consumando un omogeneizzato industriale, è bene sapere che una volta aperto il vasetto può essere conservato in frigo ben chiuso e consumato entro 24 ore.

Inoltre, ecco qui di seguito alcune utili raccomandazioni da tenere sempre ben presenti quando si parla di conservazione e consumo di alimenti per l’infanzia:

·        conservare il cibo a una temperatura di sicurezza. I microrganismi possono moltiplicarsi velocemente se è conservato a temperatura ambiente, specialmente d’estate. Sotto i 5°C la crescita dei microrganismi è rallentata, sopra i 70°C è praticamente bloccata;

·        i cibi non vanno riscaldati più di una volta;

·        non lasciare cibo cotto a temperatura ambiente per più di 2 ore. 

 

FONTE: Ministero della Salute - Corretta alimentazione ed educazione nutrizionale nella prima infanzia

DISCLAIMER

Qualunque informazione fornita in questa presentazione in particolare, le informazioni nutrizionali o i consigli dietetici o di conservazione indicate NON COSTITUISCONO un consulto medico.
Il contenuto dello scritto è PURAMENTE A CARATTERE INFORMATIVO.
In nessun caso, il Dietista, potrà essere ritenuto responsabile di eventuali danni sia diretti che indiretti, o da problemi causati dall'utilizzo delle informazioni suggerite, degli schemi dietetici proposti o dagli strumenti di autovalutazione forniti in questo sito. Per qualsiasi decisione riguardante lo stato di salute o di crescita dei vostri figli rivolgetevi al vostro pediatra di libera scelta.

Contenuti correlati

Altri contenuti: