Halloween: dolcetto o scherzetto?

Autore La redazione

Halloween, la notte delle streghe, si avvicina! Questa festa ha ormai preso piede anche in Italia e sempre più bambini si avventurano in giro per il vicinato a chiedere dolcetti.

 

Ecco alcune idee Halloween per rendere questa festa divertente per tutta la famiglia.

 

Se avete programmato una festicciola, potete animarla con alcune attività da “brivido”.
Le storie di fantasmi alla luce di una torcia elettrica, per esempio, sono un must.
Potete anche preparare dei cartellini fantasiosi da apporre al cibo e da sostituire alle etichette delle bibite (le patatine possono diventare “scaglie di drago”, l’aranciata “sangue di basilisco”, e via dicendo).

 

  • Non c’è bisogno di spendere patrimoni per ottenere un costume d’effetto! Il buon vecchio lenzuolo con i buchi per gli occhi, per esempio, è un classico della moda per fantasmini di ogni età. Un po’ di trucco(atossico, mi raccomando!) è sufficiente per dar vita a piccoli vampiri e zombi. Per i piccolissimi, un vestitino o una tutina arancioni e qualche nastro verde possono creare una splendida zucca.
     
  • Prima del giro “dolcetto o scherzetto” stabilite con i vostri bambini delle regole sul “razionamento” del loro bottino che, se particolarmente ricco e consumato in una notte, può portare a fastidiosi mal di pancia.
     
  • Non tutti i vicini potrebbero avere voglia di ricevere la classica visita “dolcetto o scherzetto”. Per far sì che la notte del 31 ottobre sia piacevole per tutti, potrebbe essere un’idea concordare con i vicini un modo per dichiarare la propria disponibilità a offrire dolci, per esempio mettendo decorazioni sulla porta. Si potrà così dire ai bambini di non disturbare gli abitanti delle case senza decorazioni.

Contenuti correlati

Altri contenuti: