Torino da gustare

Autore Bene Insieme

A Torino i buongustai possono stare tranquilli e cominciare a sistemarsi il tovagliolo. Quella locale è una cucina ricca di piatti e di sapori basati su ottime materie prime e preparazioni sapienti.                                                                                   

Antipasti: Cominciate con un assaggio dei famosi salumi, del vitello in salsina tonnata e accompagnatevi con i favolosi, fragranti grissini.                                                                                     

Primi Piatti: Passando ai primi gli agnolotti (pasta ripiena di carne) conditi con il fondo di cottura del brasato o burro e salvia sono una delizia di gusto ed una lezione di pazienza culinaria. Se non amate la pasta ripiena, ecco I tajarin, pasta fresca lunga e sottile, condita con tartufo bianco o ragù di frattaglie.                                                                                               

Secondi piatti: Spicca per notorietà la bagna caoda ovvero la salsa a base di olio, aglio e acciughe in cui si intingono verdure. E poi tanta scelta fra le carni come il bollito o il brasato al Barolo e i formaggi come robiole e tome.                         

Dolci: A chiudere i magnifici dolci a base di cioccolato come il bonèt a base di cacao e amaretti, i già citati bagnà, le torte alle nocciole e al cioccolato o al gianduja.                                                                                                                                               

I Vini: Ciò che difficilmente manca sulla tavola dei torinesi è il vino anche perché si può scegliere fra grandi rossi come Barbera, Barolo, Dolcetto, o bianchi quali Arneis e Moscato.                                                                                                               

A fine pasto, per chi ama i liquori digestivi, un bicchierino di vermouth (vino miscelato con erbe e spezie) o di grappa di Barolo, è un vero toccasana. In città non mancano location suggestive e caffè storici dove regalarsi un break speciale: per esempio la Piazzetta Reale e soprattutto la Caffetteria Reale, luogo ideale per una sosta dolce a base di cioccolata calda in cui intingere i prelibati “bagnà”, biscotti a grana grossa della tradizione dolciaria torinese. L’altro appuntamento con la storia è quello Al Bicerin: da oltre 250 anni, qui si serve l’omonima bevanda analcolica e cremosa, tanto celeberrima, quanto amata, fatta con caffè, cioccolato e crema di latte. Il locale è piccolo e bastano pochi avventori perché si formi un po’ di coda, ma in quei tavolini d’epoca si sono seduti giganti come Alexandre Dumas, Giacomo Puccini e Cavour.

Contenuti correlati

Altri contenuti: