Viso al sole

viso al sole

Autore dott.ssa Alessia Aldini, Farmacista Conad

La pelle del viso è più delicata rispetto a quella del nostro corpo, quindi va protetta, ancora di più se l’esposizione al sole è prolungata. La crema solare protettiva è uno dei migliori trattamenti anti-età che possiamo regalare alla pelle del nostro viso. Non a caso molte aziende inseriscono nelle creme antirughe da giorno anche un SPF medio - alto, in quanto è ormai provato quanto i danni del sole siano responsabili dell’invecchiamento.  Nella linea Idratante di Conad Essentiae Solari trovi la crema solare viso con fattore di protezione 30 o 50+, specifiche per la protezione del viso dal sole e dal photoaging.

PHOTOAGING, CIOÈ?

Si parla di photoaging, ovvero di invecchiamento cutaneo fotoindotto in seguito a lunghe esposizioni al sole. Le radiazioni che interessano questo fenomeno sono quelle UV, ultraviolette, in particolare modo i raggi UVA, ma vi è necessità di protezione anche dai raggi UVB. Le formule delle creme solari protettive riescono attualmente a proteggere sia dai raggi in UVA e UVB.

·         UVA: rappresentano la maggior parte dei raggi che raggiungono la terra, sono penetranti a livello dell’epidermide e responsabili del photoaging.

·         UVB: si concentrano soprattutto nei mesi estivi e nelle ore centrali della giornata, sono meno penetranti degli UVA, stimolano l’abbronzatura, ma sono anche causa di scottature ed eritemi. Sono responsabili di danni diretti al DNA quindi possono essere coinvolti nell’insorgenza di malattie quali i tumori della pelle.

Le manifestazioni del fotoinvecchiamento variano in ciascun individuo, in quanto dipendono da fattori quali le abitudini di esposizione o il corredo genetico. Consistono nella formazione di rughe evidenti, alterazioni dell’ispessimento della cute (xerosi), comparsa di punti di iperpigmentazione (macchie), teleangectasie ovvero punti in cui compare evidente la vascolarizzazione del volto.

OBIETTIVO FOTOPROTEZIONE!

L’unica via preventiva è la fotoprotezione: applicare con regolarità una crema solare protettiva e non eccedere nelle esposizioni.
Per proteggere il volto si può scegliere di utilizzare un prodotto specifico, diverso da quello che utilizziamo per il corpo. Si tratta di una zona molto più delicata che è necessario proteggere con un fattore di protezione alto o molto alto (30, 50 o 50+). Nei soggetti più sensibili al sole è consigliabile l’utilizzo di un cappello a tesa larga durante i momenti di esposizione diretta e indossare anche gli occhiali da sole.

PROTETTI DAL SOLE, NON SOLO AL MARE

La fotoprotezione non va attuata solo al mare o d’estate: vi sono raggi penetranti anche nei giorni nuvolosi e dobbiamo proteggerci anche se andiamo a fare delle passeggiate al parco o in città. La crema solare protettiva va applicata su tutto il viso, ma anche su décolleté e sul dorso delle mani, in quanto si tratta di un’altra zona in cui capita spesso che compaiano macchie solari da fotoinvecchiamento.
L’applicazione costante della crema solare è l’unico metodo per proteggere la pelle del viso. I danni del sole non sono sempre reversibili o facilmente rimediabili. Nel caso della comparsa di macchie ad esempio, tutti i trattamenti schiarenti che si effettuano sia dal medico estetico o tramite prodotti acquistabili in farmacia, sono effettuabili solo durante la stagione invernale e non in concomitanza dell’esposizione solare, in quanto vi è il rischio di fenomeni di sensibilizzazione. 

 

DISCLAIMER

Questo articolo ha carattere puramente informativo. Le informazioni contenute sono rivolte a persone maggiorenni e in buono stato di salute. Il lettore pertanto utilizzerà tali informazioni sotto la sua unica ed esclusiva responsabilità. In nessun caso l’autore potrà essere ritenuto responsabile di eventuali danni sia diretti sia indiretti o da problemi causati dall’utilizzo delle informazioni suggerite.                                                   

Contenuti correlati

Altri contenuti: