Un weekend a Spoleto, cosa vedere e cosa mangiare

Autore Bene Insieme

Spoleto, antica capitale dei duchi longobardi, immersa nel verde delle colline che la circondano, strade romane e palazzi medievali. Un posto caratteristico che bisogna conoscere con gli occhi e con la pancia. Ecco qualche semplice consiglio per visitare Spoleto, conoscere gli spoletini e la loro cucina.

Cosa vedere a Spoleto

Rocca Albornoziana - È il castello di Spoleto, fortezza che domina la città e ospita mostre, esposizioni, concerti e conferenze.

Ponte delle Torri - Lo vedete in foto insieme al castello e non si può negare che faccia un certo effetto. Goethe se ne innamorò e tanti altri prima e dopo di lui: il ponte è lì dal 1200 circa!

Teatro Romano - Risale al I secondo d.C. e si tratta di un anfiteatro che viene ancora usato per rappresentazioni e presentazioni.

Biblioteca comunale e Cripta di Sant'Isacco - Vorreste trascorrere qualche ora in santa pace nel silenzio e nel raccoglimento? Palazzo Mauri e la chiesa di Sant'Ansano, due edifici vicini tra loro, offrono questa possibilità e valgono la pena di essere visitati.

Cosa mangiare a Spoleto

Dal sedano nero di Trevi alla norcineria più raffinata, dai tagliolini al tartufo nero alla torta al testo, dai broccoletti del lago alle lenticchie di Colfiorito, l'Umbria è una regione ricca di prodotti tipici e di ricette a loro dedicati. La  

Stringozzi alla spoletina - In Umbria si condiscono con il tartufo nero oppure con il ragù d'oca; a Spoleto vengono conditi con pomodoro, aglio, olio, prezzemolo, pepe, una punta di peperoncino e una grattugiata  di pecorino locale.

Braciole di castrato - Braciole - dette anche scottadito - cotte sulla griglia e servite con una salsa particolare ottenuta con grasso di prosciutto, lardo macinato, aglio, sedano, cipolla, maggiorana, rosmarino e salvia. Il segreto? Servirle caldissime, per evitare che la salsa si rapprenda.

Coratella di agnello - Ovvero? Cuore, fegato, milza, polmoni e budella. Trionfo del quinto quarto servito in salsa di pomodoro.

Pilotto - Non si mangia solo il pilotto, perché il pilotto è una bella fetta di lardo che viene messa sulla carne alla griglia quando questa raggiunge più o meno metà cottura. Il tutto viene lasciato sciogliere sulla carne fino al momento di servire.

Torta al testo - Non è altro che una simil-piadina fatta di farina, acqua e sale che viene aperta e farcita con salumi e formaggi.

 

Contenuti correlati

Altri contenuti: