Conchiglioni con pesto alla genovese e patè di olive taggiasche

15 minuti

4 persone

Facile

Chef Massimo Spallino

Estate estate, tu mi togli la voglia di cucinare e anche quella di mangiare carboidrati sotto forma di pasta di qualsiasi tipo. Dai, non ci avete creduto nemmeno per un secondo. Nemmeno al centro della perturbazione più terribile e dell'estate più calda mi priverò mai dei miei carboidrati. E neanche voi, ne sono certa. Quindi via libera alle paste fredde, a quelle facili, a quelle che non ci fanno sudare sette camicie davanti ai fornelli. Le paste che si possono preparare in anticipo e senza corse, quelle che si possono anche portare nella schiscetta al lavoro. Ma come fare una pasta estiva che non sia sempre la solita cosa, condita di fretta e banale? Abbiamo chiesto una consulenza al nostro chef Massimo Spallino che ha realizzato tutti i nostri desideri con questi fantastici conchiglioni con pesto alla genovese e patè di olive taggiasche. Per prepararle aveta praticamente bisogno soltanto di comprare gli ingredienti e far cuocere la pasta. Farcire i conchiglioni è un gioco da ragazzi e per mangiarli se vi serve aiuto potete sempre contare su di me.

Questi conchiglioni di ottima pasta di Gragnano sono farciti con passata di pomodoro, un ottimo pesto alla genovese e un saporito e aromatico patè di olive taggiasche. Chiaramente se insistete il patè di olive taggiasche potete anche farlo in casa, specialmente se avete sottomano delle olive buonissime e non vedete l'ora di rimettervi in cucina. Per quelli che ancora non lo sapessero le olive taggiasche sono di colore marrone e hanno una forma ellittica o tonda e da questa carietà di olive si estrae un olio pregiato e saporito, poco acido e molto salutare oltre che buono. Il nome taggiasche deriva da Taggia, la località nella zona di Imperia in Liguria dove queste olive straordinarie furono portate dai monaci di San Colombano che venivano dall'isola di Lerino. Il patè si può fare anche con le olive nere, un po' meno con le olive verdi perchè le loro proprietà organolettiche non si sposano proprio completamente con questo tipo di preparazione nè la loro consistenza è ideale per preparare una pasta di olive. 

Ma come si fa questo fantomatico patè? È più facile da fare che da spiegare: vi serviranno circa 400g di olive taggiasche snocciolate, uno spicchio d'aglio, 150ml di olio extra vergine d'oliva e del sale. La prima cosa che dovete fare è lavare benissimo le olive, poi mettetele su un tagliere insieme allo spicchio d'aglio sbucciato e tritate bene il tutto al coltello. Aggiustate di sale se necessario e se vi piace potete aggiungere un po' di peperoncino in questa fase, ma va decisamente a gusto. Mettete tutto nel bicchiere di un frullatore e frullate versando l'olio a filo, come fareste per il pesto o per la maionese. Fermatevi quando il vostro composto avrà raggiunto una consistenza cremosa e omogenea. Fate attenzione a non aggiungere troppo olio o diventerà eccessivamente liquido. La pasta di olive che avete fatto potete metterla in un vasetto aggiungendo altro olio d'oliva e conservarla in frigorifero non oltre una settimana. Ma non avanzerà perchè sarete troppo occupati a mangiarla con il cucchiaio mentre farcite i conchiglioni

Ti consigliamo di abbinare a questo piatto: Fiano D'Avellino

Ingredienti per quattro persone

  • 400g di conchiglioni Sapori & Dintorni Conad
  • 2 pomodori grandi
  • 120g di pesto alla genovese Sapori & Dintorni Conad
  • 30g di patè di olive taggiasche
  • 50g di salsa di pomodoro
  • basilico
  • sale

Preparazione

Contenuti correlati

Altri contenuti: