Millefoglie salata di Grana Padano con zucca e porri

30 minuti

4 persone

Media

millefoglie-salata-di-grana-padano-con-zucca-e-porri

Chef Massimo Spallino

La millefoglie salata di Grana Padano con zucca e porri è una prelibatezza dello chef Massimo Spallino. Cucinarla è facilissimo perché, anche se devono essere tutti cotti separatamente, gli ingredienti sono pochi e buoni al naturale. Perciò, tutto quello che ti servirà per la zucca e per i porri sono una padella e un frullatore; mentre per il Grana ti basterà un microonde (o un forno). Sì, perché le cialde di Grana sono la cosa più semplice da preparare: ti basta grattugiare il formaggio, poi creare dei tondi con l’aiuto di un coppapasta poi, togliere il coppapasta (altrimenti scoppia il microonde) e metterli a cuocere per pochissimi minuti. Quello che succederà è che il Grana si scioglierà e si compatterà andando a formare dei dischetti che saranno poi la base croccante e solida della millefoglie salata. A questo punto, come insegna lo chef Spallino (detto Max), devi aggiungere la parte cremosa. Un piatto che abbia una parte così croccante deve sempre consistere anche in una parte cremosa che leghi il tutto. Perciò, una volta cotti la zucca e il porro, andrai a frullare ciascuna di queste due verdure e otterrai due creme dalla consistenza morbida e vellutata. Due bei colori accesi che, una volta insieme nella millefoglie, creeranno un gioco divertente di mescolanze fantastiche per l’occhio e per il palato.

L’abbinamento di porri, zucca e Grana è azzeccatissimo: i porri danno sapidità ma restano molto più delicati e digeribili della cipolla, la zucca aggiunge dolcezza al piatto e il Grana fa da protagonista con il suo gusto deciso.

I consigli dello chef?

  1. Non ti curare della precisione del taglio delle verdure: in questo caso basta che i cubetti o le fettine abbiano tutte lo stesso spessore per far sì che cuociano nello stesso tempo; ma dovendo poi frullare tutto, è inutile cercare a tutti i costi di essere precisi. Perderesti solo tempo!
  2. Per creare facilmente dei dischetti che siano più tondi possibile, usa un coppapasta o un altro supporto e, prima di toglierlo, pressa il formaggio grattugiato con le dita. Inizierà a compattarsi ancora prima di essere cotto e ci saranno più possibilità che venga perfetto. Ricordati assolutamente di tirare via il coppapasta prima di mettere i dischetti nel microonde, altrimenti potrebbe scoppiare tutto!
  3. Quando la ricetta prevede di fare una crema, ricordati sempre di lasciare come guarnizione un pezzo “solido” di ciò che è stato frullato: non fa solo da guarnizione, ma dà anche la possibilità di vedere e assaggiare il prodotto così com’è, come farai con i porri.
  4. Dal momento che il Grana Padano 20 mesi Dop ha un gusto davvero deciso e riconoscibile, bisogna scegliere un vino che sia contraddistinto da una personalità altrettanto forte, senza sovrastarlo, ovviamente. Perciò, scegli vini morbidi, tannici, con una buona gradazione alcolica e caratterizzati da un sapore intenso, ma che restino comunque dei vini giovani e freschi.

Ti consigliamo di abbinare a questo piatto: Gutturnio frizzante Saserna DOC

Ingredienti per quattro persone

  • 300 g Grana Padano Dop Conad
  • 1 confezione di panna da cucina
  • 1 zucca media
  • 1 porro
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • q.b. sale

Preparazione

Contenuti correlati

Altri contenuti: