Il bilancio energetico nell'infanzia

Autore La nutrizionista Sabrina Severi

La parola energia è un altro modo per parlare di calorie. 
Cosa si intende, quindi, per bilancio energetico? La differenza tra l’energia in entrata(calorie assunte grazie al cibo) e l’energia in uscita (calorie consumate durante la giornata).

I bambini assumono energia attraverso il cibo e le bevande consumate e la utilizzano per respirare, digerire, andare a scuola… e per crescere.
È quindi fondamentale aiutarli ad avere un bilancio energetico equilibrato sin da piccoli, la condizione ideale per crescere in armonia e prevenire problemi nell’età più adulta.

Per favorire un buon bilancio energetico, i punti chiave sono pochi e di comprovata efficacia. In particolare è importante:

  • incentivare nei bambini la pratica regolare di sport;
  • adottare uno stile di vita attivo in famiglia, 7 giorni su 7;
  • limitare il tempo dedicato ad attività sedentarie, e in particolare ridurre i tempi che i bambini trascorrono immobili davanti a uno schermo (computer, telefono, tv eccetera);
  • promuovere scelte alimentari intelligenti, a casa e a scuola.

Infine, non dimentichiamo il pediatra che, grazie ai controlli periodici dei suoi giovani assistiti, riveste un ruolo chiave nel fornire i migliori consigli su come aiutare ogni bambino a mantenere in perfetto equilibrio il suo bilancio energetico.

Contenuti correlati

Altri contenuti: