L'aperitivo

Autore Bene Insieme

È uno degli appuntamenti preserali più diffusi. 
Conosciamolo meglio e impariamo a prepararne alcuni insieme

 

L’aperitivo può essere alcolico o analcolico. In inglese viene chiamato anche “pre dinner” a sottolineare il fatto che si beve prima dei pasti al fine di stimolare l’appetito.

 

Gli aperitivi possono essere cocktail secchi o effervescenti con retrogusto amaro, la cui gradazione alcolica può comunque variare sensibilmente in funzione dell’impiego di distillati o spumanti per la loro preparazione. Tipici dei mesi estivi, sono i drink analcolici o “soft drink”. La quantità media di questi drink è di circa 20 cl. In genere contengono frutta (in pezzi o in succo), succo di limone, una bevanda gassata e ghiaccio.  

 

LA CLASSIFICAZIONE DEI COCKTAIL ALCOLICI

 

Essendo quello dell’aperitivo un appuntamento molto diffuso, negli anni è aumentato anche il numero di cocktail tra cui scegliere. Al di là delle mode che ciclicamente portano alla ribalta un determinato drink, è bene sapere che una prima classificazione dei cocktail può essere fatta in funzione della capacità in termini di contenuto alcolico.

Avremo così i Long Drink, con una capacità che va da 13 a 20 cl con parte analcolica che prevale su quella alcolica, i Medium Drink, da 10 a 13 cl e parte alcolica prevalente su quella analcolica, e infine gli Short Drink, con una capacità fino a 7 cl e spesso caratterizzati dalla presenza della sola parte alcolica.

 

LA LISTA IBA  E LA NORMATIVA ITALIANA

 

Molti aperitivi, come ad esempio il Negroni, l’Americano, il Kir Royal e il Daiquiri sono compresi nella lista della International Bartenders Association. I Cocktail ufficiali IBA sono quindi tutti quei cocktail selezionati da questa associazione internazionale per l’annuale World Cocktail Competition di bartending.

 

In Italia, invece, esiste l’AIBES Associazione Italiana Barman E Sostenitori - che integra la lista con prodotti tipici italiani, come lo Spritz Veneziano. Per le normative italiane e comunitarie l’aperitivo (alcolico) non è una specifica bevanda alcolica definita dal punto di vista legale e merceologico come possono essere ad esempio il vino, la birra, il liquore e l’amaro; è piuttosto una modalità di preparazione e consumo di bevande alcoliche o preparati a base di bevande alcoliche.

Contenuti correlati

Prodotti correlati:

Altri contenuti: