Lago di Como, fra le pagine manzoniane

Autore Bene Insieme

Il Lago di Como è per il prestigioso quotidiano “The Huffington Post”, il lago più bello del mondo, per il microclima e per l’ambiente naturale circostante. È davvero una meta splendida per qualche giorno di vacanza tra colori, aria buona e relax. Inoltre, se siete a caccia di qualche scoop, potrete dedicarvi al vipwatching, sport preferito dai gossippari, dato che su queste sponde è sempre più facile avvistare star di Hollywood come George Clooney, Matt Damon, Brad Pitt, Meryl Steep. Se siete più interessati all’arte e in particolare alla letteratura, fra le destinazioni consigliate nella provincia comasca c’è senza dubbio Lecco. Questa è la città che dà il nome al ramo orientale del lago di Como, per cui la sua fama è legata ad Alessandro Manzoni che da questi luoghi trasse ispirazione per le vicende dei“Promessi Sposi”Qui un po’ tutto ricorda il celeberrimo romanzo e il suo autore: Pescarenico, il borgo lecchese esplicitamente citato da Manzoni, dove si rinvengono le tracce del convento di fra’ Cristoforo, i rioni cittadini di Acquate e Olate, identificati come i paeselli di Renzo e Lucia, la presunta casa di Lucia ad Olate e la chiesa dei Ss. Vitale e Valeria, considerata la parrocchia di don Abbondio, il promontorio dello Zucco su cui fino al 1938 si poteva ammirare il palazzo cinquecentesco di don Rodrigo, oggi completamente trasformato. Insomma, se fra i banchi di scuola avete amato le vicende di Renzo e Lucia, avrete la possibilità di “passeggiare” fra le pagine scenografiche su cui quelle vicende, divennero immortali. Immancabile è poi il monumento a Manzoni eretto nell’omonima piazza e il museo Manzoniano ospitato nella villa in cui lo scrittore trascorse l’infanzia e l’adolescenza, dove sono esposti cimeli, manoscritti ed edizioni rare, di uno dei romanzi italiani più famosi nel mondo.

Contenuti correlati

Altri contenuti: