Le mele: gioielli del Trentino

Autore La redazione di saporie.com

Riconosciuto come territorio perfetto per la produzione di frutta, il Trentino è ancora oggi la culla di uno dei più pregiati prodotti della nostra Italia: le mele. Protette dai marchi DOP e IGP, le mele della Val di Non e della Val Venosta sono di diverse varietà.

Le Delicius (Golden e Stark)
La Golden Delicius è una mela giallo-verde, dalla polpa biancastra e farinosa una volta raggiunta la completa maturazione. Talvolta la buccia può presentare delle striature di colore rosso, dovute alla cosiddetta “fiammatura”, un processo che si può verificarsi nei giorni precedenti alla raccolta: se notti fredde si susseguono a giornate calde, gli sbalzi termici impediscono la naturale distribuzione degli zuccheri che, quindi, rimangono “intrappolati” nel frutto. Zuccherina e croccante, la Golden Delicius è disponibile sul mercato tutto l’anno e, una volta colta, si conserva anche per 15-20 giorni. 
La Stark Red Delicius, invece, è disponibile solo da settembre a maggio. Succosa, profumata e dolcissima, si distingue dalle altre per la buccia rossa striata e la pezzatura piuttosto grande.

La Renetta
La Renetta è la classica mela mediterranea: con la sua buccia ruvida, verde tendente al giallo (con qualche puntino color ruggine che indica il giusto grado di maturazione), e la pezzatura non troppo grande, è la mela carnosa per eccellenza. 
La raccolta avviene da settembre fino a primavera, con qualche differenza: le prime Renette sono polpose ma aspre, quelle invernali morbide ma consistenti, quelle primaverili saporite e dolci (benché meno belle da vedere).

Contenuti correlati

Altri contenuti: