Lecce: la Firenze del Sud

Autore Bene Insieme

Singolare ed irripetibile nella sua bellezza, Lecce è sempre uno splendore e per la massiccia presenza dell’architettura barocca talvolta viene ribattezzata la Firenze del sud. Cominciate il vostro soggiorno partendo come sempre dal cuore, dalla magnificenza del centro storico con le sue guglie, i portali, le chiese, i monumenti e le abitazioni, in una sinfonia calcarea dalle tonalità calde: almeno sei le tappe obbligatorie che sono l’Anfiteatro e il Teatro Romano, la principale testimonianza di epoca romana, risalente al II secolo d.C. La Basilica di Santa Croce, uno dei massimi edifici religiosi di Lecce nonché “manifesto” del cosiddetto barocco leccese, in un trionfo di trine e merletti scolpiti in una pietra rosa dorato. Accanto ad essa l'altrettanto ricco Palazzo dei Celestini, attuale sede della Provincia. Il Duomo di Lecce: la cattedrale dedicata a Maria SS. Assunta, costruita nel 1144 e poi completamente ricostruita nel 1600 da Giuseppe Zimbalo, architetto a cui si deve anche il meraviglioso campanile a cinque piani, sull’ultimo dei quali è posta una statua raffigurante Sant’Oronzo, patrono della città. Infine, proprio a pochi passi da Piazza Sant'Oronzo, si trova il Castello di Carlo V. La struttura, pur avendo subito nei secoli delle modifiche, conserva l’impianto trapezoidale originale con i quattro imponenti bastioni angolari. A svelare le diverse fasi vissute dal Castello sono i due corpi concentrici, risalenti a epoche differenti e separati da un cortile intermedio. Il corpo centrale all’interno dell’edificio risale al XII secolo, mentre il mastio quadrangolare, la cosiddetta Torre Quadrata, è inglobato nella costruzione cinquecentesca, probabilmente di matrice angioina.Oggi il Castello ospita numerose mostre d’arte ed eventi culturali: una ulteriore occasione per apprezzare la magnificenza architettonica tipica delle strutture difensive cinquecentesche, e la ricchezza di decori degli ambienti interni. Tutte queste bellezze sono vicine tra loro e raggiungibili direttamente a piedi.

Fra un monumento ed un gioiello d’architettura trovate il tempo per un break in uno dei Caffè con vista su Piazza Sant’Oronzo. Se siamo nella calda stagione, potreste ordinare una specialità locale: il caffè in ghiaccio con latte di mandorla. Un toccasana che vi tonificherà nel più dolce dei modi.

Contenuti correlati

Altri contenuti: