Mobilità green: bici elettrica, e-bike o pedalata assistita?

Autore BeneInsieme

Veloce, amica dell’ambiente, comoda e versatile: ci sono mille motivi per cui vale la pena acquistare una bicicletta elettrica o un’e-bike.

Cos’è l’e-bike

Di cosa si tratta? Facciamo chiarezza: l’e-bike e bicicletta a pedalata assistita sono la stessa cosa, ovvero una normale bicicletta dotata di un piccolo motore elettrico nel movimento centrale del telaio che aggiunge propulsione alla pedalata del ciclista.

In pratica, pedalando normalmente la bici accelera da sola, consentendo di aumentare la velocità senza fare troppa fatica: così ci si muove rispettando l’ambiente e si fa un movimento dolce, favorendo il fisico.

La bici a pedalata assistita, quindi, non va confusa con un motorino: non si muove da sola, per funzionare occorre comunque pedalare altrimenti il motore non entra in funziona e la bici rimane ferma. Insomma un po’ di sport è sempre garantito!

La bici elettrica

La bici elettrica ha invece un motore, di solito attivabile sul manubrio, che fa muovere la bicicletta anche senza l’atto del pedalare.

Sono tutte opzioni di mobilità green, perfette per spostarsi in città, soprattutto se ogni giorno viene usata per recarsi al lavoro o per coprire distanze medie e lunghe. Non è un caso, infatti, che nelle grandi città ci sono ormai molti servizi di bike sharing che propongono anche e-bike.

Spesso, inoltre, bici elettriche e bici a pedalata assistita vengono utilizzate anche per turismo, perché è molto comoda per fare escursioni anche a tappe: si possono visitare più luoghi in minor tempo, gustando il paesaggio e senza il problema del parcheggio. Insomma una vacanza in bicicletta, che sia un semplice weekend a spasso tra le cantine del Piemonte o i borghi dell’Emilia, oppure un periodo più lungo, assume una sfumatura più semplice se si parte in e-bike!

Ma non solo: sono ormai tantissime le escursioni anche su terreni non pianeggianti all’interno di boschi, foreste, montagne, perché la pedalata assistita rende tragitti impegnativi meno difficili da affrontare.

Consigli per gli acquisti

Cosa comprare? La prima domanda da porsi, in realtà, riguarda l’utilizzo a cui è destinata: si userà per spostarsi in città oppure per fare gite ed escursioni in montagna, per coprire brevi distanze o per percorsi più lunghi? E poi, serve chiarire se si vuole comprare una bici elettrica oppure una e-bike.

Una volta chiarito questo passaggio, si può scegliere tra una bici da città, dotata di parafango e possibilmente di un cestino portapacchi: ne esistono anche di modelli pieghevoli, utili per chi si sposta usando diversi mezzi pubblici. Se la si vuole acquistare per fare cicloturismo, invece, allora è preferibile optare per un modello specifico per il trekking, facendo attenzione a controllare che le batterie siano abbastanza potenti da durare tutto il giorno.

Nel mercato ultimamente si trovano anche mountain bike elettriche, perfette per chi preferisce sterrati in salita.

Per quanto riguarda i prezzi delle bici elettriche, variano molto a seconda dei modelli e delle caratteristiche: si parte generalmente dai 400 euro per salire fino a 2.000 euro e anche oltre per le tipologie più professionali. 

Contenuti correlati

Altri contenuti: