Ravenna: in bici fra i mosaici

Autore Bene Insieme

Prevalentemente pianeggiante, Ravenna sembra cucita su misura per il turista che voglia vivere ogni secondo a stretto contatto col suo territorio. Volete muovervi con più rapidità? Noleggiate una bella bicicletta e godetevela pedalando a caccia di tesori. Per poter usufruire del servizio, è necessario munirsi di una chiave numerata in distribuzione presso l’ufficio IAT (Ufficio Informazione e assistenza turistica) in Piazza San Francesco 7 previa registrazione dell'utente. Ogni chiave è utilizzabile in tutte le rastrelliere. Una volta riportata la bicicletta nella rastrelliera d'origine, la chiave deve essere recuperata e riconsegnata allo IAT dove si è effettuata la registrazione. Basta solo un documento d’identità per registrarsi: dopo di che si passa a ritirare la propria. Di biciclette ce ne sono parecchie a disposizione di residenti e turisti, posteggiate in alcune colorate rastrelliere presenti in diversi punti della cittadina. (Ai turisti di solito sono riservate quelle di colore giallo).

Potete cominciare da uno degli otto monumenti che l’Unesco ha inserito nel Patrimonio dell’Umanità, ossi dalla Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, fatta costruire da Teodorico fra il 493 e il 496 d.C. come tempio ariano, consacrato poi al cattolicesimo. La parte più interessante è sicuramente l’interno che ospita il più grande ciclo di mosaici del mondo! Probabilmente la maggior parte di voi non ha mai visto niente di simile: l’immenso esercito di piccole tessere colorate schierate una accanto all’altra è frutto di una incomparabile maestria artistica e lascia davvero estasiati. Anche per questo Ravenna era (ed è) famosa in tutto il mondo. Date un’occhiata alle pareti della navata centrale: non vi sembrano affrescate con l’oro zecchino? In realtà sono anch’esse completamente decorate con mosaici, il cui colore dominante è proprio quello del metallo dei re. Per gli appassionati di storia dell’arte e di reperti di gran valore, nella parte superiore si trova il più antico ciclo musivo dedicato al Nuovo Testamento ancora esistente ai nostri giorni, nonostante siano passati più di 1500 anni. 

Contenuti correlati

Altri contenuti: