Reggio Calabria: i bronzi e la magna grecia

Autore

Siete nel cuore vitale di Reggio tra corso Garibaldi, movimentata arteria commerciale e la rete di strade che la intersecano disseminate di eleganti boutique, negozi di souvenir, botteghe artigianali. Lungo il corso c’è piazza Vittorio Emanuele II, agorà in epoca greca e foro in epoca romana, sulla quale si affacciano i palazzi del potere, il Municipio, la Prefettura e la Provincia. Magari non sarà segnalato negli itinerari più classici ma noi vi suggeriamo di non perdervi il mercato alimentare, aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9, giacché è molto caratteristico, pieno di prelibatezze e saprà restituirvi molto di usi e costumi reggini.

E’ il momento di raggiungere Palazzo Campanella (dal noto filosofo calabrese) che per le sue forme avveniristiche i cittadini chiamano “l’astronave”, e andare all’incontro con i due simboli per antonomasia della città, i Bronzi di Riace,originali scultorei greci di straordinaria importanza che furono rinvenuti, il 16 agosto 1972, nelle acque di Riace Marina, a 200 m dalla costa. Dopo vari “pellegrinaggi” dovuti a necessità di restauro, a partire dal dicembre del 2013, i Bronzi sono tornati stabilmente nella loro prima casa: il Museo Nazionale della Magna Grecia, il secondo al mondo per vastità dei reperti inerenti la Magna Grecia, dopo quello di Berlino.In pochi minuti quindi, sarete di fronte al più sensazionale ritrovamento archeologico marino del secolo scorso. I Bronzi sono nuovamente in posizione eretta e sono talmente splendidi, in tutta la loro maestosa perfezione ed imponenza (solo le statue misurano entrambe quasi due metri) che, ne siamo certi, resterete incantati. Naturalmente tutto il Museo merita di essere visitato: passeggerete fra preistoria e protostoria, numismatica e archeologia sottomarina: esistono un’infinità di preziosi reperti di notevole importanza, suddivisi nelle diverse sezioni in base al periodo. Ogni sala è una finestra aperta sul passato, ogni reperto un piccolo gioiello, sottratto alla polvere dell’oblio. 

Contenuti correlati

Altri contenuti: