Ulivi pugliesi, alla scoperta dell'olio di Puglia

Autore BeneInsieme

La Puglia è una regione ricca di storia e cultura, caratterizzata da antiche tradizioni e custode di una gastronomia unica. La sua terra, il sole e la brezza marina contribuiscono a creare l'ambiente perfetto per tutti i prodotti tipici pugliesi che tanto ci piacciono. Dal Primitivo di Manduria al pane di Altamura, dalle cime di rapa al caciocavallo silano, dalla razza podolica alle orecchiette, ci è per caso sfuggito qualcosa? Ancora un mondo da scoprire. Basti pensare all'olio.

Gli ulivi secolari della Puglia

Sono cinque le tipologie di olio Dop prodotte dagli uliti secolari che caratterizzano il territorio di questa regione.

Il Collina di Brindisi è versatile e si sposa bene con qualsiasi piatto, carne, pesce, verdure e pasticceria.

L'Olio Terre di Bari è il più comune della regione, è caratterizzato dalla sua freschezza e dal suo sapore fruttato con un retrogusto amarognolo e leggermente piccante. In cucina, il Terra di Bari è ideale per condire grigliate di pesce, insalatone, verdure bollite, legumi e paste fredde.

Poi viene il Terre tarantine Dop, olio prodotto con le olive Leccino, Coratina, Ogliarola e Frantoio. Il suo gusto è fruttato ma delicato comunque, si sposa bene con le orecchiette alle cime di rapa, con secondi di carne e piatti di pesce al forno.

Passiamo al Duano Dop, un olio che deriva da coltivazioni antichissime, presenti fin dai tempi dei romani. Di questa varietà si distinguono quattro diverse zone di produzione: il Basso Tavoliere, il Gargano, l'Anlto Tavoliere e il Sub Appennino.

Per finire, il Terre d'Otranto Dop è un olio che si sposa bene con piatti semplici e dai sapori delicati, ma anche con la pasta di grano duroo

Lo sapevate che gli ulivi secolari, crescendo, si arrotolano su se stessi seguendo il senso del moto terrestre e che ancora nessuno si è mai spiegato il perché e il percome? La prossima volta che vedete un ulivo secolare, abbracciatelo.

 

Contenuti correlati

Altri contenuti: